News dal Web

EMA 2L'Agenzia europea dei medicinali, nel report "Human medicines highlights 2017", ha reso noto che nel 2017 ha raccomandato 92 farmaci per l'autorizzazione all'immissione in commercio, tra cui 35 contengono una nuova molecola attiva, mai autorizzata prima nell'Unione Europea. La lista dei 92 farmaci autorizzati nel 2017 include due terapie avanzate e 19 trattamenti per le malattie rare. La maggior parte delle approvazioni si è concentrata nell'area dell'oncologia, seguita da quella delle malattie infettive e dall'endocrinologia. Grande attenzione, è stata data alle terapie per i bambini, con l'autorizzazione, tra gli altri, di Spinraza, il primo farmaco per il trattamento dell'atrofia muscolare spinale (SMA), gravissima malattia genetica.

Leggi tutto...

OMSUn milione di nuove infezioni al giorno: è questa, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, a livello globale, l'incidenza delle IST, le infezioni sessualmente trasmissibili. In Italia, la fascia d'età più a rischio è quella dei giovani tra i 15 e i 24 anni, che spesso non sono informati sulla possibilità di contrarre queste infezioni, sulle più efficaci modalità di prevenzione, sulle possibili terapie. E proprio ai giovani si rivolge la campagna di Comunicazione 'IST, conoscerle per prevenirle', messa in campo dal Ministero della Salute insieme alla Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri. Perciò, farmacie, studi pediatrici e studi dei medici di medicina generale, specialisti, ordini e ostetriche saranno il punto di partenza di questa campagna di informazione articolata in tre step.

Leggi tutto...

NAS 2I Carabinieri del Nas di Torino, nel corso di attività investigativa, hanno scoperto un impiegato 47enne che, senza alcuna competenza e titolo abilitativo, aveva allestito nella sua abitazione un laboratorio dove preparava artigianalmente compresse, pastiglie e intrugli vari mediante l'impiego di sostanze erboristiche e farmacologicamente attive. Secondo quanto riferisce il comunicato stampa diramato dal Nas, nel corso di una perquisizione delegata dalla Procura della Repubblica di Torino, i militari hanno rinvenuto sostanze e prodotti erboristici che sono stati sequestrati e portati in laboratorio per le analisi volte ad verificarne la natura e la pericolosità. I Carabinieri hanno, inoltre, accertato che il falso farmacista aveva creato un sito web illegale dedicato alla vendita di queste preparazioni pubblicizzate come rimedi terapeutici per diverse patologie e con effetti dimagranti.

Leggi tutto...

istatL'Istat, insieme agli altri istituti di statistica europei, ha rilevato i consumi medi, in due settimane campione, di medicinali soggetti a prescrizione e da banco e di quelli di integratori e prodotti di erboristeria. Nel nostro Paese la media dei farmaci prescritti si ferma al 38,4%. Quella dei non prescritti è al 19,7%. Il consumo poi cambia a seconda delle fasce di età. In Italia ad esempio, gli ultrasettantacinquenni sono quelli che consumano più farmaci prescritti (70,3%), mentre la quota maggiore dei non prescritti (21%) è tra 15 e 64 anni. Scendendo poi nel particolare del nostro Paese, il dato rilevato dall'Istat mostra che per il 2015 oltre 26 milioni di italiani non hanno consumato farmaci nelle due settimane campione della rilevazione, contro poco più di 19,7 milioni che hanno consumato quelli prescritti e 9,8 milioni quelli non prescritti. Per circa la metà quindi niente medicine.

Leggi tutto...

Ema HealthL'Agenzia europea per i medicinali ha pubblicato una relazione che contiene i criteri di valutazione affinché il farmaco definito "orfano" mantenga questo status una volta ricevuta la raccomandazione all'immissione in commercio. La relazione dell'Ema sintetizza il parere espresso a riguardo dal Comitato dell'Agenzia per i Prodotti Medicinali Orfani. Per ottenere la designazione di "orfano", il farmaco deve avere indicazione terapeutica per una patologia che mette il paziente in pericolo di vita o che ne causa debilitazione cronica. La malattia deve essere circoscritta a meno di 5 pazienti su 10.000 nell'Unione Europea. Se è già disponibile un altro trattamento per la patologia, chi produce il nuovo farmaco deve dimostrare un vantaggio significativo, clinicamente rilevante, per i pazienti.

Leggi tutto...

imageElisabetta Biavati 50 anni, esperta in campo elettronico, sino a cinque anni fa, prima che la sua malattia neurologica cominciasse ad atrofizzarla, aveva una vita normale. Oggi, l'assenza di cure a base di cannabis l'ha spinta a muoversi con una sedia a rotelle. "Da due mesi non riesco ad avere più nulla, ora mi ritrovo su questa carrozzina e non posso camminare: quando mi curavo con la cannabis, riuscivo almeno ad essere autonoma, a camminare con le stampelle e persino a guidare la macchina. Ora la malattia che mi sta consumando m'impedisce persino di mangiare e di bere, sono arrivata a 49 chili e un medico dell'ospedale ha certificato che è la mancanza delle cure e del farmaco ad avermi ridotto in questo stato".

Leggi tutto...

meningococcoSecondo i risultati di uno studio condotto da un gruppo internazionale nel quale sono presenti ricercatori dell'Istituto Superiore di Sanità, delle Università di Stanford, Ferrara, e Sapienza di Roma, e della ASL del Sud Tirolo, il vaccino antimeningococco B è sicuro e protegge oltre il 90% dei giovani che fanno il ciclo primario di immunizzazione. Nello specifico, l'analisi ha incluso i dati di tutti e 20 gli studi scientifici sperimentali sinora condotti, per un campione totale di oltre 6000 tra bambini e adolescenti. Trenta giorni dopo il ciclo primario di vaccinazioni, oltre il 90% dei partecipanti è protetto contro tutti i ceppi batterici testati, responsabili di circa la metà delle meningiti epidemiche. Per due dei ceppi batterici, tuttavia, dopo circa sei mesi dal ciclo primario la protezione si riduce, per tornare – e rimanere – a livelli molto elevati dopo una ulteriore dose. Anche sole due dosi nei bambini sono state in grado di conferire un alto livello di protezione, ma per mantenere tale protezione nel tempo sono necessarie più dosi.

Leggi tutto...

allergieSi aprono nuove speranze per chi soffre di allergia ai pollini. È stato sviluppato in Austria il vaccino prodotto sinteticamente BM32, che in uno studio di fase II su 180 pazienti in 11 centri europei, ha mostrato con quattro iniezioni il primo anno e un richiamo il secondo anno che si alleviano i sintomi di almeno il 25%. Il vaccino, basato sull'immunoterapia, sembra avere meno effetti collaterali di altre immunoterapie messe a punto per chi soffre di allergie e offre benefici maggiori a chi ha una forma più forte del disturbo. Uno studio successivo di fase III e uno studio simultaneo di vaccinazione dei bambini in conformità con tutte le linee guida applicabili è programmato con inizio nel 2019, per creare i prerequisiti per l'approvazione generale del vaccino a partire dal 2021. Allo stesso tempo, le indagini su BM32 hanno dimostrato che il vaccino potrebbe anche essere efficace nel trattamento dell'epatite B e portare sollievo ai pazienti asmatici.

Leggi tutto...

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


unisalento         avis