Pin It

loernzin soddisfattaNonostante abbia suscitato diversi malumori e scatenato le polemiche dell'opposizione che l'ha definito "fotocopia", il nuovo di Governo è stato definito. Nella sostanza, in effetti, le differenze con il precedente sono davvero poche, poiché si tratta perlopiù di riconferme o di cambi di Dicastero come nel caso di Alfano.

La "nuova" squadra dell'esecutivo ha visto, fra gli altri, la riconferma del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin; una scelta nel segno della continuità che ha ricevuto gli apprezzamenti da parte dei rappresentanti di categoria come Racca, Scaccabarozzi e Gizzi. "Apprezziamo la scelta del premier Paolo Gentiloni - commenta il presidente nazionale di Federfarma, Annarosa Racca - di riconfermare Beatrice Lorenzin alla Salute: è una persona competente che unisce alla conoscenza del settore una innegabile passione e una spiccata sensibilità nei confronti dei problemi sociosanitari del Paese. In lei i titolari hanno sempre trovato un interlocutore attento e affidabile, pienamente convinto della necessità di potenziare il ruolo della farmacia in quanto primo presidio sociosanitario sul territorio, fortemente integrato nel Ssn. Le farmacie ribadiscono pertanto la più ampia disponibilità a proseguire la collaborazione con il Ministro e con il nuovo Governo, al quale formulano i migliori auguri di buon lavoro".

"Consideriamo estremamente positiva la riconferma - nella nuova compagine governativa guidata dal premier Paolo Gentiloni - del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Una scelta che va nella direzione della continuità di cui ha tanto bisogno la Sanità italiana. Ci sono ancora diversi dossier aperti nel nostro settore - ha dichiarato Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria- che aspettano una rapida soluzione. Uno di questi riguarda la Governance farmaceutica, per completare il processo molto positivo iniziato con la Legge di Bilancio, in direzione della sostenibilità e dell'accesso all'innovazione a beneficio dei pazienti".

Ha espresso soddisfazione anche il presidente di Assofarm Venanzio Gizzi "È un ministro molto vicino ai problemi delle farmacie e auspichiamo possa proseguire serenamente nel suo lavoro. Beatrice Lorenzin ha sempre prestato attenzione al ruolo e alle funzioni del farmacista, dimostrandosi estremamente sensibile alle innovazioni e alle novità che il servizio farmaceutico intende apportare nel Servizio Sanitario Nazionale. Spero d'incontrarla presto- conclude Gizzi- per poterle esporre i programmi e le iniziative in seno alla mia attività in ambito europeo".  

Christian Petrelli

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


unisalento         avis