Pin It

ministaero saluteIl ministero della Salute ha deciso di istituire un Tavolo di lavoro tecnico per l'aggiornamento della Farmacopea ufficiale della Repubblica italiana, la cui ultima revisione risale al 2010. Il testo unico delle leggi sanitarie, che risale al 1934, aveva stabilito una cadenza almeno quinquennale per la revisione e per questo il ministero ha chiesto alla Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico, all'Istituto superiore di Sanità, all'Agenzia italiana del farmaco, alla Federazione nazionale degli Ordini dei farmacisti, a Federfarma, Sifo, Sifap, Aschinfarma, all'Associazione farmaceutici industria, all'Associazione italiana di medicina nucleare e imaging molecolare, Assogerenerici e alla Chemical Pharmaceutical Generic Association di designare due rappresentanti e di comunicarli on line al Capo di Gabinetto del ministero.

La dodicesima edizione della FU, tutt'oggi in vigore, è stata approvata il 3 dicembre 2008 ed è entrata in vigore il 31 marzo 2009

La Fofi, in una nota inviata ai presidenti degli Ordini, ha sottolineato "la necessità della revisione anche in considerazione del fatto che alcune disposizioni, sebbene ormai del tutto superate, sono tuttora vincolanti per i farmacisti". "Tra l'altro - sottolinea ancora la Fofi - era stato richiesto l'inserimento, nel decreto di revisione, di una norma che consentisse la ricezione dell'aggiornamento della Farmacopea tramite la casella di posta certificata della farmacia". Al tavolo, la Federazione nazionale degli Ordini dei farmacisti ha designato il segretario, Maurizio Pace, e il tesoriere, Mario Giaccone. Mentre, per Federfarma, saranno Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona e componente del consiglio nazionale di presidenza, e Andrea Cicconetti, segretario di Federfarma Roma e componente del Consiglio delle Regioni, a rappresentare il sindacato titolari al tavolo istituito dal ministero della Salute.

La dodicesima edizione della FU, tutt'oggi in vigore, è stata approvata il 3 dicembre 2008 ed è entrata in vigore il 31 marzo 2009. Essa è articolata in otto tabelle, che raccolgono prescrizioni, con valore legale, caratteristiche e metodi di analisi e controllo di farmaci e formule. Sono presenti elenchi dei pesi atomici, delle sostanze medicinali obbligatorie (comprese quelle velenose da conservare in luogo sicuro), degli apparecchi e strumenti obbligatori e dei prodotti da vendere, solo dietro prescrizione medica. È inclusa infine una nomenclatura completa dei composti farmaceutici, con relative modalità di conservazione e di etichettatura. 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


unisalento         avis