Pin It

foto 2 fatturato farmaciFederfarma, in una circolare diffusa nei giorni scorsi, ha fornito agli associati indicazioni pratiche sul calcolo del fatturato annuo Ssn per la determinazione del regime degli sconti agevolati. Il ministero della Salute - ricorda la Federazione - aveva precisato con la circolare inviata alle Regioni e alle Province autonome il 22 gennaio, che il fatturato annuo in regime di Servizio sanitario nazionale comprende i farmaci ceduti in regime di Ssn conteggiati "nudi e crudi", ovvero al netto dell'imposta sul valore aggiunto, dei ticket dovuti dall'assistito (sia quello a quota fissa, sia quello relativo alla differenza di prezzo generico-specialità), dello sconto e al netto della distribuzione per conto. Il calcolo del fatturato, inoltre, esclude anche i proventi dell'assistenza integrativa.

"Federfarma informa di essere a disposizione per coordinare eventuali contenziosi, evitando così di promuovere azioni autonome al di fuori del coordinamento nazionale"

"Posto il definitivo chiarimento del ministero - spiega la circolare - le farmacie possono compilare le prossime DCR precisando espressamente nelle medesime di avere effettuato il conteggio attenendosi al parere ministeriale con una frase del seguente tenore: Questa Farmacia ha effettuato il computo del fatturato in regime di Servizio sanitario nazionale, di cui alla legge n. 662/1996 e alla legge n. 122/2010, seguendo le indicazioni fornite dal Ministero della Salute con circolare prot. n. 305-P-22-01-2018". Nell'ipotesi in cui le ASL, disattendendo le indicazioni ministeriali, non pagassero quanto richiesto nelle DCR, Federfarma informa di "essere a disposizione per coordinare eventuali contenziosi, evitando così di promuovere azioni autonome al di fuori del coordinamento nazionale".

Secondo le indicazioni ministeriali, il "fatturato SSN" comprende i farmaci ceduti in regime di SSN al netto di: IVA, sconti, assistenza integrativa e DPC. Il Ministero ha anche precisato che i nuovi limiti di fatturato SSN valgono sia per lo sconto ex legge 662/96, sia per l'ulteriore sconto del 2,25 ex legge 122/2010. Inoltre, il dicastero ha attestato che dal 1° gennaio 2018 le farmacie rurali sussidiate con un fatturato Ssn non superiore a 450.00 euro e le farmacie urbane e rurali non sussidiate con fatturato annuo Ssn non superiore a 300.000 euro, oltre ad applicare la scontistica agevolata ex legge 662/96, sono esentate dall'ulteriore sconto del 2,25%. 

©Redazione

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


unisalento         avis