La sentenza di Catanzaro dice una cosa molto chiara, dice che non c'è abuso di professione. A mio avviso il capo d'imputazione era sbagliato. Il gesto di spensare un farmaco nel momento in cui viene fatto da un farmacista, non costituisce reato. Un discorso a parte merita la tracciabilità del farmaco. Parla Davide Gullotta, presidente della Federazione Nazionale delle Parafarmacie Italiane.

©Redazione 

Letto 1696 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Articoli correlati (da tag)

  • A Brindisi concorso esclude farmacisti di parafarmacia. Gullotta: inconcepibile

    A Brindisi la società che gestisce le farmacie comunali esclude esplicitamente dal concorso i farmacisti che hanno maturato esperienze nelle parafarmacie. Per il presidente della Federazione Nazionale delle parafarmacie italiane, Davide Gullotta, si tratta dell'ennesimo atto discriminatorio nei confronti di colleghi che hanno lo stesso titolo e le stesse competenze.

    ©Redazione 

  • D'ambrosio Lettieri: I farmacisti delle parafarmacie meritano un risarcimento

    Il vicepresidente della Fofi Luigi D'Ambrosio Lettieri, nel corso degli Stati Generali della Farmacia di Roma è stato lapalissiano rispetto alla questione parafarmacie: "Quella del 2006 è stata una delle prove di laboratorio peggio riuscita. I giovani farmacisti che hanno aderito a quest'esperienza meriterebbero un risarcimento."

    ©Redazione 

  • Gullotta: Le parafarmacie in questi anni sono rimaste in un limbo normativo

    La parafarmacia ha rappresentato un'importante valvola occupazionale per quei farmacisti che non vantando natali "nobili" e non disponendo di linee di credito importanti, hanno potuto altresì esprimere la propria professionalita' in modo libero. Lo dichiara Davide Gullotta, presidente FNPI. "Ci aspettiamo una soluzione virtuosa da parte della politica che preveda l'inserimento nel Ssn della maggioranza dei colleghi".

    ©Redazione 

federfarma     utifar      fenagifar    federfarmaservizi    pon1


unisalento         avis